Posted by : Marianna Basileo gennaio 24, 2014

La rubrica "Ebook gratuiti: non solo classici" vi aiuta proponendo periodicamente, titoli interessanti scovati in rete e rigorosamente GRATUITI. Per le prossime due settimane abbiamo scelto di presentarvi dei testi diversi dal solito perché appartenenti alla Biblioteca virtuale del Getty Museum. Il filo conduttore delle nostre proposte sarà 

LA FOTOGRAFIA


Julia Margaret Cameron: Complete Photos

Julian Cox, Colin Ford, Joanne Lukitsh, Philippa Wright 2002
578 pagine

Download pdf (321 MB)
Il testo è interamente in lingua inglese ma abbiamo tradotto per voi la descrizione dell'opera che contiene anche varie notizie interessanti sull'artista.

Descrizione dell'opera
Una delle pronipoti di Julia Margaret Cameron’s ha dichiarato: “noi non sapevamo mai cosa la zia Julia stesse per fare e non lo sapeva neppure nessun altro".  Questa rappresenta un'accurata sintesi della vita della fotografa inglese (1815-1879) che iniziò ad utilizzare la macchina fotografia all'età di quarantotto anni e produsse più di 1200 immagini nei suoi quattordici anni di carriera. 

Sebbene vivesse durante l'epoca vittoriana, Cameron fu tutt'altro che convenzionale nella sua sperimentazione del mezzo, relativamente nuovo, della fotografia, promuovendo la propria arte, anche attraverso l'esposizione e la vendita, e andando in cerca delle personalità eminenti della sua epoca - Alfred Tennyson, Charles Darwin, Thomas Carlyle, e altri - da immortalare con il suo obiettivo. 

Per la prima volta, tutte le immagini prodotte da Cameron, una delle più importanti artiste del XIX secolo, sono riunite in un catalogo ragionato.
Oltre ad un catalogo completo di fotografie di Cameron, ci sono informazioni sulla sua vita e i suoi tempi , sugli esperimenti iniziali, le aspirazioni artistiche, le tecniche, le immagini di piccolo formato, gli album, le strategie commerciali, i modelli e le fonti di ispirazione. È presente anche una bibliografia selezionata di pubblicazioni su Cameron, un elenco di mostre del suo lavoro tenute durante la sua epoca e ai nostri giorni e così  una sintesi di importanti collezioni dove si possono trovare le sue fotografie.
(Traduzione Marianna B.)

Ti potrebbero interessare anche:
ENG
According to one of Julia Margaret Cameron’s great-nieces, “we never knew what Aunt Julia was going to do next, nor did anyone else.” This is an accurate summation of the life of the British photographer (1815–1879), who took up the camera at age forty-eight and made more than twelve hundred images during a fourteen-year career. Living at the height of the Victorian era, Cameron was anything but conventional, experimenting with the relatively new medium of photography, promoting her own art though exhibition and sale, and pursuing the eminent personalities of her age—Alfred Tennyson, Charles Darwin, Thomas Carlyle, and others—as subjects for her lens. For the first time, all known images by Cameron, one of the most important nineteenth-century artists in any medium, are gathered together in a catalogue raisonné.

In addition to a complete catalogue of Cameron’s photographs, there is information on her life and times, initial experiments, artistic aspirations, techniques, small-format images, albums, commercial strategies, sitters, and sources of inspiration. Also provided are a selected bibliography of publications on Cameron, a list of exhibitions of her work held both in her time as well as our own, and a summary of important collections where her pictures can be found.

{ 2 commenti... read them below or Comment }

  1. Decisamente interessante... la fotografia era un'arte giovane all'epoca e sapere di più su un'artista donna in un tempo in cui esserlo non era affatto facile, specie con la fotografia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, la Cameron è stata (probabilmente) la prima fotografa della storia e fu una donna caparbia, attiva, molto decisa. Non ci si poteva aspettare altro dalla prozia di Virginia Woolf! ^^

      Elimina

- Copyright © Booksfollia - Hatsune Miku - Powered by Blogger - Designed by Johanes Djogan -